Scritto il 23/02/2024
Dott. Erik Gozzo

Le olive non solo sono un pilastro della cucina mediterranea ma stanno anche emergendo come uno fra gli alimenti preferiti nella dieta chetogenica.

Questa dieta a basso contenuto di carboidrati e alto contenuto di grassi sta guadagnando grande popolarità grazie ai suoi potenziali benefici per la salute, inclusa la perdita di peso e il miglior controllo della glicemia.

Poiché, però, i carboidrati sono quasi dappertutto, quando si inizia a la cheto è normale chiedersi quali cibi sia possibile mangiare per rimanere nel limite giornaliero dei carboidrati permessi.

Nota: Apporfondisci su questi articoli

In questo articolo esploreremo nello specifico se e quanto le olive sono chetogeniche.

Quante olive si possono mangiare nella dieta chetogenica?

Verdi e nere, ma anche taggiasche, itrana, coratina, biancolilla, frantoio …

ci sono almeno 500 varietà diverse di olive in Italia, e in generale tutte si possono mangiare in una dieta chetogenica.

Per quanto riguarda quante olive mangiare se sei in chetosi, con 10 o 15 al giorno sei sicuro di non eccedere, né dal punto di vista della chetosi né dal punto di vista delle calorie.

(Se non hai chiaro che cosa è la chetosi e perchè le olive possono aiutarla, vai a questo articolo).

Infatti, a seconda del tipo, del colore, della coltivazione, la quantità di carboidrati può variare anche in maniera significativa, fra i 1 e 4 grammi per ogni 100 grammi, che corrispondono più o meno a 30 olive di media dimensione.

Se quindi mangi 10-15 olive, nel peggiore dei casi stai assumendo 2 grammi di carboidrati, e nel migliore meno della metà: nessun problema quindi per rimanere in cheto!

Per quanto riguarda invece le calorie, anche qui dipende molto dalla varietà, ma una tabella con i valori medi può dare comunque delle ottime indicazioni di massima.

Eccola qui sotto.

Olive: Valori Nutrizionali Medi per 100 grammi (senza nocciolo)

In media, 100 grammi di olive sgusciate contengono:

Calorie 115

Grassi 11g

  • Di cui Grassi Saturi: 1.4g
  • Di cui Grassi Monoinsaturi: 8g

Carboidrati netti: 3g

Fibre: 3g

  • Di cui zuccheri: 0g

Proteine 0.8

Spesso le olive nere, avendo più grassi delle altre varietà, sono un po’ più caloriche.

Pro e Contro di mangiare olive nella dieta chetogenica

Pro 

  • Ricche di grassi monoinsaturi, in particolare acido oleico, che possono avere effetti benefici sulla salute del cuore
  • Possono contribuire ad abbassare il colesterolo
  • Alte in vitamina E e polifenoli come l’idrossitirosolo, noti per le loro proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie.
  • Possono aiutare a saziare la fame grazie al loro contenuto di grassi
  • Possono migliorare il controllo glicemico

Contro

  • Alcune varietà di olive potrebbero essere più alte in carboidrati, potenzialmente impattando la chetosi se consumate in grandi quantità.
  • Le olive confezionate potrebbero contenere oli e conservanti aggiunti. E’ molto importante quindi leggere attentamente l’etichetta
  • Le olive in salamoia hanno una quantità di sale che potrebbe essere in alcuni casi poco salutare e vanno quindi sgocciolate e lavate con attenzione

Olive e chetosi: conclusioni

Le olive non solo sono un ingrediente saporito ma anche un alimento chetogenico nutriente e bio-attivo che promuove la salute cardiovascolare ed ha innumerevoli proprietà antiossidanti e antinfiammatorie.

In più, grazie al loro bassissimo contenuto di carboidrati e relativamente alto contenuto di grassi, sono ideali per stimolare l’entrata in chetosi in chi fa una dieta chetogenica.

La chiave per approfittarne al massimo senza incappare nelle controindicazioni delle olive, è optare per olive naturali, senza zuccheri aggiunti o eccessive quantità di sale.

Bisogna a quel punto solo fare attenzione, in caso si faccia la dieta chetogenica per dimagrire, a non esagerare con le quantità!

Nota: in testa all’articolo Photo by Polina Tankilevitch

Scarica gratuitamente il primo capitolo di

Carbo Loop

ed entra nella nostra community!

L'autore dell'articolo è il Dott. Erik Gozzo

Medico Chirurgo.
Membro di Low Carb USA, vive e lavora fra Città del Messico e l’Italia
Esperto di nutrizione e comportamento, è autore del libro bestseller “Il Kata della volontà – Come ottenere una forza di volontà d’acciaio”
È coautore di “Carbo – Loop. Come spezzare il circolo vizioso che ci porta ad essere grassi, stanchi e sempre affamati”.

Leggi altro...



>